News

Il decreto cd. Balduzzi non esenta da responsabilità il medico che non rispetta le linee guida

Cassazione Penale  – Il decreto cd. Balduzzi non esenta da responsabilità il medico che non rispetta le linee guida. La Corte di Cassazione ha rilevato con riferimento al caso di specie che l’assunto concernente l’avvenuto rispetto delle regole di diligenza e dei protocolli ufficiali resta infatti mera enunciazione, essendo stata omessa la necessaria allegazione delle linee guida alle quali la condotta del V.R. si sarebbe conformata. L’allegazione si rende necessaria ai fini della verifica della correttezza  e scientificità delle stesse: solo nel caso di linee guida conformi alle...

Leggi tutto

Giustificazione del ricorso alla contenzione fisica del paziente

Cassazione Penale  – Giustificazione del ricorso alla contenzione fisica del paziente – La Corte di Cassazione ha affermato che la pratica del contenimento può risultare giustificata al fine di evitare  prevedibili condotte auto ed etero lesionistiche del paziente. Nel caso di specie era ben evidente il pericolo attuale ed imminente di danni che potevano scaturire, per sé o per gli altri, dalla peculiare situazione del C., così come sussisteva la necessità, sottolineata dalla sentenza impugnata, di impedire al paziente di strapparsi la flebo attraverso la quale era nutrito all'occorrenza, reidratato e...

Leggi tutto

Responsabilità medica – Deve escludersi la colpa lieve se le cause del decesso non sono in alcun modo diagnosticabili

La Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di specie non sussiste alcuna responsabilità del primario, neanche di colpa lieve, in quanto il decesso del paziente è avvenuto per cause non diagnosticabili e scoperte solo in sede di autopsia. Il primario ha agito infatti nel pieno rispetto delle linee guida e delle buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica). Sentenza n. 26565/15 FATTO: Con sentenza emessa il 30 giugno 2014 il Giudice dell'udienza preliminare presso il Tribunale di Salerno ha dichiarato non doversi procedere nei confronti di A.G. in relazione al reato di cui agli artt. 40 cpv. e 589 c.p.,...

Leggi tutto

Primario accusato di mobbing - Configurabilità del delitto di abuso d’ufficio

Cassazione Penale – Primario accusato di mobbing -  Configurabilità del delitto di abuso d’ufficio  - Il “primario di un ospedale è tenuto, quale pubblico dipendente, a prestare la sua opera in conformità delle leggi ed in modo da assicurare sempre l’interesse della pubblica amministrazione, in particolare ispirandosi nei rapporti con i colleghi, ai sensi dell’art. 13 dello statuto degli impiegati civili dello Stato, al principio di una assidua e solerte collaborazione. Sussiste, pertanto, il reato di abuso di ufficio con violazione di legge, secondo la nuova formulazione dell’art....

Leggi tutto

Danno da trasfusione – L’onere della prova grava sulla struttura ospedalier

Cassazione Civile  – Danno da trasfusione – L’onere della prova grava sulla struttura ospedaliera  - La Corte di Cassazione ha affermato che in tema di danno da infezione trasfusionale è onere della struttura ospedaliera dimostrare che al momento della trasfusione il paziente avesse già contratto l'infezione per la quale domanda il risarcimento. Sentenza n. 18895/15 FATTO: Nel 1998 E.A.M. convenne dinanzi al Tribunale di Roma l'Università degli Studi di Roma 'La Sapienza', la Gestione Stralcio della USL Policlinico Umberto I e la Regione Lazio,...

Leggi tutto

Professionisti e azione disciplinare -Toni minacciosi ed intimidatori nei confronti del collega

Cassazione Civile – Professionisti e azione disciplinare - Toni  minacciosi ed intimidatori nei confronti del collega – Sanzione dell’avvertimento - La Corte di Cassazione ha affermato che l’utilizzo di toni minacciosi e intimidatori da parte di un avvocato nei confronti di un collega è di per sé comportamento deontologicamente rilevante. Pertanto l'elemento soggettivo dell'illecito va innanzitutto riguardato con riferimento all'invio ad un collega di una missiva caratterizzata dai suddetti modi, toni e contenuti. Sentenza n. 18075/15 FATTO: Il Consiglio...

Leggi tutto