News

Risponde di omessa denuncia il medico che non comunica alle Autorità competenti una situazione di reato

Cassazione Penale – Risponde di omessa denuncia il medico che, venuto a conoscenza, in concomitanza o a cagione delle funzioni espletate, di una situazione che presenti gli elementi essenziali di un fatto costituente reato, non la comunichi  alle autorità competenti. Ai fini dell'integrazione del reato di omissione di denuncia è necessario e sufficiente che l'esercente un pubblico servizio ometta di denunciare un fatto di cui sia venuto a conoscenza che presenti le linee essenziali di un reato, mentre non è indispensabile che la notizia si...

Leggi tutto

Responsabilità medica cinque anni per la prescrizione

Legge Balduzzi: il tramonto del “contatto sociale”?. Il dibattito in ordine alla natura della responsabilità professionale del medico è da sempre stato oggetto di diatribe tra chi ne sostiene la natura contrattuale, con conseguente applicazione dell’art. 1218 c.c., e chi invece ritiene che debba trovare applicazione l’art. 2043 c.c. (la c.d. responsabilità aquilana). La questione è recentemente salita nuovamente alla ribalta delle dispute giuridiche in seguito alla pubblicazione della L. 189/2012 (meglio nota come Legge Balduzzi). La...

Leggi tutto

La responsabilità del medico ospedaliero è extracontrattuale
Tribunale, Milano, sez. I civile, sentenza 02/12/2014 n° 1430

Ha carattere extracontrattuale la responsabilità del medico dipendente e/o collaboratore della struttura sanitaria, autore della condotta attiva o omissiva produttiva del danno subìto dal paziente. Così ha statuito il Tribunale di Milano nella sentenza del 2 dicembre 2014, n. 1430. Nel caso in esame, il Giudice adìto ha valutato la condotta dei sanitari convenuti dipendenti di struttura sanitaria, cui collegare l’eventuale responsabilità risarcitoria nei confronti del paziente danneggiato da tale condotta; tale esame è stato effettuato dopo aver analizzato l’orientamento...

Leggi tutto

Responsabilità medica: ogni anno in tribunale 30mila cause

(ASCA) - Cagliari, 30 set 2014 - ''Ogni anno 30.000 cause di contenzioso medico-legale giungono nei tribunali italiani. Di queste oltre il 98,8% termina con una assoluzione o archiviazione del personale medico-sanitario. Serve subito una legge''. Allarme e richiesta lanciati dai ginecologi italiani in occasione del loro congresso nazionale che si svolge fino a mercoledi' a Cagliari. ''Una causa su 10 e' contro noi - afferma Vito Trojano Presidente dell'Associazione Ostetrici...

Leggi tutto